Announcement

Collapse
No announcement yet.

A BOFH's Dream

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • A BOFH's Dream

    Mi trovo seduto dentro un aereoplano. Non uno dei normali e moderni arei di linea, ma uno scassato e traballante bimotore ad elica che sembra uscito da un film anni '50.

    Alla mia destra siede una CL tanto carina quanto deficiente, che mi sta rintronando l'orecchio destro raccontandomi con una voce tanto squillante e noiosa da fare a gara con il boato dei motori di quando voleva diventare una ballerina di varieta', ma avendo zero senso ritmico alla fine le sono rimaste due possibilita: prostituta di bassa lega o 'esperta di marketing', ma una sola pagava bene cosi' e' diretta a questa riunione con il CEO che... Alla mia sinistra siede un'altro CL, che fino ad ora ha tentato vanamente di battere il proprio laptop a solitario.

    Il CL deve essere effettivamente un'UL, dato che fino ad ora non ha fatto altro che giocare a solitario, ma non appena si sente osservato piazza una schermata di Excel in primo piano e pretende di digitare dei numeri che hanno senso.

    Improvvisamente l'aereo comincia a traballare, sbatacchiare e ballonzolare e la CL alla mia destra comincia ad agitarsi.

    IO - Non si preoccupi: i piloti hanno il paracadute.
    UL - (guardando fuori dal finestrino) Si', infatti si sono appena lanciati.
    IO - herrr... veramente era una battuta...

    Ed infatti si vedono 2 paracadute scendere dolcemente verso il suolo. A questo punto un rumore allucinante squarcia l'aria e l'aereo. E dove prima stava una CL molto noiosa adesso c'e' un grosso buco nella carlinga dell'aereoplano e niente altro.

    Nello stesso momento l'UL alla mia sinistra vomita sul suo laptop.

    UL - Oddio!!! (indicando il laptop) Pensi si sia rovinato???
    IO - Fammi vedere...

    E con questo acchiappo il laptop e lo butto fuori dall'aereo.

    UL - (slacciandosi la cintura e gettandosi fuori dall'aereo dietro al laptop) LA MIA COLLEZIONE DI MP3 ILLEGALI E FOTO PORNO!!!
    IO - (gridandogli dietro) COSI' IMPARI A FARE I BACKUP DEFICENTE!!

    Poi tutto diventa molto confuso.

    Quando le cose sono meno confuse mi ritrovo sdraiato sulla sabbia soffice fuori dall'aereo. Mi alzo e mi guardo attorno. Non ho un graffio. Manco un capello fuori posto. Se si possono chiamare capelli questi quattro peluzzi che rimangono sul mio cranio. Comunque mi guardo attorno e vedo che mi trovo nel mezzo del deserto. Assolutamente niente per centinaia di kilometri attorno. O meglio, quasi niente. Si vede qualche cosa ad una certa distanza.

    Mi avvio in quella direzione e vedo che e' un'altro aereo. Ed un'altro. Ed un'altro. E' un cimitero di aerei tutti sfasciati nel mezzo del deserto.

    E vedo qualche cosa d'altro in distanza. Mi avvicino e vedo che e' un palo, dipinto a strisce rosse, bianche e blu, con qualche cosa appeso. Ed intorno ci sono un sacco di corpi.

    Devono essere corpi di vari UL ed SL a giudicare dai gessati Armani e dalle penne d'oro che spuntano dai vari taschini. Molti tengono ancora stretti vari laptop tanto costosi quanto inutili. Uno sembra stesse cercando di inviare una e-mail dato che lo schermo dice ancora "Outlook.exe ha causato un'errore di protezione generale...".

    Mi avvicino al palo e vedo che uno degli UL e' ancora vivo, ma appena, ed e' appoggiato al palo. Tiene ancora stretta al petto una grossa cartella di pelle con su' scritto "Verbali Riunione di Marketing 1/7/5". Sul palo c'e' effettivamente qualche cosa appeso.

    Ed e' una radio di emergenza.

    IO - (rivolto all'UL) Hai usato la radio?
    UL - (flebile) ...non funziona...
    IO - Che vuol dire non funziona?
    UL - (flebile) ...non funziona...
    IO - Che vuol dire non funziona?
    UL - (flebile) ...non funziona...

    Ripetete la "conversazione" di cui sopra quante volte volete.

    Cosi' guardo la radio. E vedo subito che il Luser-Designer ha cercato di fare una radio Luser-proof. Ed ovviamente ha fallito.

    La radio e' composta da un microfono/altoparlante e due pulsanti. Uno dei pulsanti all'inizio era probabilmente rosso, ma e' cosi' consumato e rovinato da innumerevoli dita che lo hanno premuto infinite volte che oramai e' grigio e consunto. Una etichetta accanto dice "battery test". L'altro pulsante e' blu, nuovo e luccicante. Mai premuto o toccato da dita umane. Un'altra etichetta accanto dice "call".

    Ed accanto alla radio c'e' un cartello. Con caratteri grossi cosi'. Che dice in dodici (12) lingue: "per avere aiuto immediato premere il bottone BLU".

    IO - (rivolto all'UL) Hai letto il cartello?
    UL - (raccogliendo le ultime goccie di energia) ...perche'?

    E poi muore.

    Cosi' io premo il tasto blu. E guardo l'elicottero che si avvicina veloce.

    Poi mi sveglio.

    Ci ho messo quasi due ore a smettere di ridere, ridacchiare e ghignare come uno scemo. Avevo quasi paura di dover andare in ospedale per farmi togliere il ghigno dalla faccia per via chirurgica.

    Davide
    14/11/2005
Working...
X